Categorie
concetto

Cos’è il matrimonio?

Cos’è il matrimonio? Il termine “matrimonio” deriva dalla parola matrimonium, espressione latina che trae origine dalle parole monium, il cui significato è qualità di, e matrem, il cui significato è madre. Questo termine parla dell’unione che fanno due persone, come marito e moglie, donna e moglie, o marito e marito.

Oggi, questo patto è celebrato da milioni di persone in tutto il mondo. Due individui trovano ragioni per stringere un legame d’amore e, in onore di questo, creano un patto che li impegna per tutta la vita ad amarsi nel bene e nel male, che è noto come matrimonio.

Con questa premessa, il significato della parola matrimonio non sembra essere complicato. Tuttavia, possiamo trovare molteplici contesti, in cui, sebbene non elaboreremo definizioni sostanzialmente diverse, osserveremo differenze significative. Pertanto, il matrimonio può essere definito da una varietà di prospettive e tali definizioni saranno presentate di seguito.

A destra

Cos’è il matrimonio?, Per legge, il matrimonio è riconosciuto come l’unione che una donna e un uomo realizzano in virtù di una dichiarazione e di un contratto. Le cosiddette parti si impegnano a costituirsi come solenne progetto di famiglia, che diverrà società legittima davanti alla legge, formata da due persone per esistenza perpetua.

La concettualizzazione del matrimonio, dal punto di vista del diritto, deve essere caratterizzata dall’essere altamente liquida, cioè una concettualizzazione che ha assunto molte forme. Ciò è fondamentalmente dovuto al fatto che le clausole che definiscono la società matrimoniale sono determinate dai principi di ogni Paese.

Sono queste le basi morali che, secondo le norme di una nazione o di uno Stato, possono riconoscere il matrimonio formato da coppie dello stesso sesso. Alcune clausole avvertono che il matrimonio è un atto solenne che una donna e un uomo compiono, mentre altri no. Pertanto, il concetto di matrimonio in legge dipenderà da ciascun margine legale.

Consiste nell’unione legittima

Date queste valutazioni, non si perde di vista l’idea di un’unione legittima, di una rappresentanza davanti alla legge come coppia che decide di costituirsi davanti allo Stato. Un’istituzione nota come famiglia, legittimata dal matrimonio.

È così che il matrimonio viene descritto dalla legge, la quale, nonostante le sue diverse clausole, non perde l’essenza di un’unione che si realizza tra due persone davanti allo Stato.

Secondo la Bibbia

Nella Bibbia non troveremo una descrizione di per sé del matrimonio. Tuttavia, molto è stato detto su questa formalità, poiché il matrimonio è parte di uno degli elementi più importanti per la prole e la conservazione della famiglia. Per comprendere questo contesto, è necessario citare diversi versetti della Bibbia.

In Matteo (19, 4-6) troveremo la seguente lettura:

Non avete letto, rispose Gesù, che in principio il creatore «li fece maschio e femmina», e disse: «Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie», «I due verranno un corpo” Quindi non sono più due, ma uno. Pertanto, ciò che Dio ha unito, non lo separi l’uomo.

Le basi dell’unione matrimoniale non sono fondate sulla ricerca di un atto formale e legittimo dinanzi allo Stato. È un legame che favorisce l’unione e la creazione della società attraverso la famiglia, un modello che riconosce solo un uomo e una donna come membri di quell’istituzione.

D’altra parte, la lettura della Genesi (2,18) cita:

Poi Geova Dio disse: “Non è bene che l’uomo vada avanti da solo. Farò di lui un assistente per completarlo”.

Questo versetto della Genesi parla della creazione della donna, riconoscendola come complemento dell’uomo, che era osservato solo. A sua volta, la lettura della Genesi (1:28) supporta le seguenti scritture:

Inoltre, Dio li benedisse e disse loro: “Abbiate molti figli, moltiplicatevi, riempite la terra e prendetene il controllo, e abbiate autorità sui pesci del mare, sugli animali volanti dei cieli e su tutti gli esseri viventi che si muovono la terra. la terra”.

Il principio dell’unione tra uomo e donna, nella Bibbia, non è orientato sulla falsariga del santo matrimonio. Pertanto, nella Bibbia non esiste un concetto concreto di matrimonio. Ciò non esclude la spiegazione e l’orientamento all’unione tra uomo e donna, come osservato nella lettura precedente.

La Bibbia non definisce, ma piuttosto descrive il matrimonio. Vale a dire, avverte il modo in cui gli sposi devono riconoscersi e, così, unirsi in onore del miracolo che Dio ha dato all’uomo e alla donna per riprodursi.

Civile

Il matrimonio è un atto riconosciuto sia dalla Chiesa che dallo Stato. Per il riconoscimento del secondo è richiesto il cosiddetto matrimonio civile.

Il matrimonio civile è un accordo coniugale in cui due persone dichiarano la loro unione davanti allo Stato. Tale unione concepirà obblighi e diritti nei confronti dei coniugi, che saranno vigilati dal predetto organismo, e trattati in diverse tipologie di istituzioni pubbliche a seconda del caso del Paese (enti comunali, stato civile, giudici, ecc.).

Si potrebbe dire che il matrimonio civile è un’implicazione giuridica che si costituisce nel momento in cui due persone dichiarano la loro unione davanti alla legge. In questo modo, una coppia entra a far parte di un universo di relazioni coniugali registrate in un Paese, che devono corrispondere tra loro determinati doveri.

Il matrimonio civile è quello in cui i coniugi gestiscono il patrimonio coniugale, che sarà soggetto a successione in caso di divorzio, risorsa giuridica in cui i coniugi, vista l’impossibilità di sostenere la loro relazione, decidono di separarsi e di cessare di essere coppia in gli occhi della legge.

cristiano

Il matrimonio cristiano è un patto che due persone appartenenti alla fede cristiana stringono davanti agli occhi di Gesù e della sua Chiesa, dove si impegnano ad adempiere a tutti i mandati dettati dal detto anche messia, ora uniti nel matrimonio.

Solo i cristiani battezzati possono celebrare un matrimonio cristiano e, in tal modo, essere riconosciuti rispettivamente davanti alla loro chiesa come unione legittima. Questo patto non riconosce la possibilità del divorzio (come sarebbe nel caso del matrimonio civile), ed è normalmente valutato dai cristiani con più importanza di qualsiasi contratto civile.

il matrimonio cristiano

Per la realizzazione di un matrimonio cristiano, deve aver luogo un matrimonio. È una celebrazione a cui partecipano ospiti, tipicamente familiari o amici intimi della coppia, membri della chiesa, della coppia e del parroco. All’inizio del matrimonio si recitano diverse lodi e poi si procede all’adorazione di Gesù.

Successivamente, la coppia leggerà o pronuncerà i cosiddetti voti d’amore, che consistono in promesse o messaggi che la coppia desidera comunicare in onore dell’occasione. Questo, come parte delle loro dichiarazioni davanti al loro sacro matrimonio. Ora vengono scambiati gli anelli, simbolo che immortalerà il patto d’amore tra gli sposi da parte della chiesa.

I matrimoni cristiani, a differenza di quelli cattolici, non hanno bisogno di essere rigorosamente celebrati in una chiesa comunale autorizzata dallo Stato. Questi possono essere tenuti in casa di uno dei coniugi, o anche, in uno spazio concordato dal parroco e dai membri della chiesa.

matrimonio cattolico

Il matrimonio cattolico è definito, secondo la Chiesa cattolica, come la celebrazione dell’amore coniugale richiesto da Dio e dai suoi re. Gli sposi lo celebreranno dall’intima convivenza e dall’amore. Il suo scopo è l’educazione della discendenza e la procreazione, obbedendo al mandato divino di popolare il mondo secondo Matteo (19, 4-6).

Per la celebrazione di un matrimonio cattolico è necessario che gli sposi abbiano adempiuto con successo i sacramenti del battesimo, della comunione e della cresima, essendo il santo matrimonio l’ultimo e corrispondente sacramento da compiere per affermarsi dinanzi alla Chiesa cattolica come attori fermi della parola di Dio.

Allo stesso modo, è stabilito che tra i coniugi non può esserci alcuna relazione e non devono essere molto giovani, a differenza del matrimonio cristiano, dove è consuetudine celebrare i matrimoni tra giovani coppie. Allo stesso modo, è stato evidenziato che possono essere celebrati solo nelle chiese cattoliche municipali.

matrimonio cattolico
  • Save
Cos'è il matrimonio? 3

il matrimonio cattolico

Mentre nel matrimonio cristiano la celebrazione è orchestrata dal pastore, la Chiesa cattolica si avvale della figura del sacerdote per celebrare rispettivamente il matrimonio cattolico. Al matrimonio i parenti degli sposi si recano in chiesa, dove sulle sedie a sinistra si vedrà la famiglia della sposa e, nelle sedie a destra, la famiglia dello sposo.

Insieme alla madre, lo sposo deve attendere l’arrivo della sposa, la quale, entrando in chiesa, sarà accompagnata dal padre all’altare per consegnarla allo sposo. Questo processo simboleggia la consegna che il padre fa della figlia al genero, in onore del suo attuale patto matrimoniale.

Il sacerdote si occuperà dell’accoglienza degli sposi, spiegando i concetti più importanti del matrimonio cattolico. Successivamente rifletterà sulla nuova unione che sta per essere concordata davanti agli occhi di Dio. Il sacerdote porrà ai futuri sposi una serie di domande, dove giureranno il loro matrimonio attraverso le loro risposte.

Successivamente, darà il consenso all’unione degli sposi davanti alla legge di Dio, e in questo modo darà il permesso agli sposi di consegnare le fedi nuziali. Una volta sistemati gli anelli, ci saranno le letture della Bibbia e poi le offerte di pane e vino, glorificando e ringraziando Dio per l’unione degli sposi.

Gli sposi, i padrini e i testimoni firmeranno i certificati di matrimonio e, per avvicinarsi all’ultimo passaggio, gli sposi devono inginocchiarsi per ricevere le benedizioni. Una volta che questo sarà finito, gli sposi potranno alzarsi in piedi e saranno presentati dal sacerdote come Mr. e Mrs., per concludere autorizzando il bacio dello sposo alla sposa.

Egualitario

Il matrimonio paritario è un patto in cui un ente riconosce che due persone dello stesso sesso possono sposarsi, godendo così degli stessi diritti di un matrimonio tradizionale e, in tal senso, essendo riconosciuto dinanzi alla legge come un patto legittimo e con l’appoggio dello Stato.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è attualmente un argomento di dibattito in molti paesi che continuano a discutere sulla validità che questa istituzione merita. Pertanto, non tutti i paesi consentono a due persone dello stesso sesso di sposarsi.

Molteplici movimenti sociali di protesta chiedono l’approvazione di questa istituzione, in quanto è uno dei più importanti diritti umani come il diritto alla non discriminazione.

L’obiettivo di questi movimenti, noti come LGBTI, è garantire l’uguaglianza dei diritti di identità dell’intera popolazione senza valorizzarne l’orientamento o l’identità di genere.

Attualmente, ci sono più di 30 paesi nel mondo che mantengono ancora il divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso. Tuttavia, si spera che alla fine possano riformare le leggi normative prima della celebrazione del matrimonio omosessuale anche demoniaco o del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La questione si complica per la possibilità di regolamentazioni che non dipendono strettamente dallo Stato, ma dalle autorità religiose.

Istituzioni che si sono caratterizzate per avere un pensiero rigido, e, quindi, una situazione complessa, vista l’idea di legittimare il matrimonio tra persone dello stesso sesso in alcuni paesi come Russia, Venezuela, Polonia, Paraguay, Bolivia, ecc.

Ecclesiastico

Un matrimonio ecclesiastico è tutta quell’unione sotto il concetto di matrimonio che due persone compiono davanti alla loro chiesa. Potremmo dire che i matrimoni cristiani e cattolici precedentemente definiti sono stati considerati ecclesiastici.

La celebrazione di un matrimonio ecclesiastico non ha effetto davanti alla legge, pertanto, sono considerati legittimi solo all’interno della loro chiesa, dove sono riconosciuti gli effetti spontanei (a seconda della religione) che i coniugi assumono una volta concluso il matrimonio.

Ogni chiesa o organismo riconoscerà il suo matrimonio come un processo unico, quindi considererà le sue caratteristiche uniche per esso. Ad esempio, il Codice di Diritto Canonico riconosce i matrimoni cattolici come sacramento e alleanza celebrati solo da cattolici battezzati.

Canonico

Il matrimonio canonico è quello celebrato secondo i canoni stabiliti dalla stessa Chiesa cattolica. In questo senso, si può parlare di matrimonio canonico come sinonimo di matrimonio cattolico, dove si compie la stessa procedura e si adempiono gli stessi giuramenti secondo il mandato della Chiesa cattolica.

A sua volta, è valutata come requisito essenziale la precedente celebrazione dei sacramenti del battesimo, della comunione e della cresima. Allo stesso modo, non è possibile realizzare questo matrimonio in persone che non sono state battezzate, persone dello stesso sesso e persone che hanno già una relazione matrimoniale (poligamia).

Che cos’è un matrimonio illecito?

Un matrimonio illecito è quello che viene celebrato secondo interessi estranei a quelli concordati nel matrimonio. In altre parole, è un contratto che si fa per ottenere benefici conseguenti all’unione coniugale, che non sono legati all’amore o agli interessi familiari.

Questo tipo di matrimonio è caratterizzato dall’essere pattuito a prezzo o previo accordo tra le parti, che contemplano un beneficio congiunto una volta che possono legittimare la loro unione. Questo tipo di matrimonio viene solitamente effettuato per ottenere benefici di immigrazione, risoluzione nella distribuzione dei beni, eredità, ecc.

Aggiustato

Il matrimonio combinato è un’istituzione socio-culturale in cui la famiglia (solitamente i genitori) offre o sceglie un coniuge per una sola persona. Pertanto, il matrimonio può aver luogo con o senza il consenso di quest’ultimo (in quest’ultimo caso si parla di matrimonio forzato).

Sebbene questo tipo di matrimonio soffra di una visione negativa nei paesi occidentali, questo non è necessariamente il caso della maggior parte dell’umanità.

In genere entrano in gioco ragioni economiche, per cui se nelle classi lavoratrici di solito è semplicemente la necessità di trovare un coniuge che permetta a un proprio figlio di vivere con dignità, tra gli artigiani e i membri delle classi abbienti predominano gli interessi patrimoniali. . A seconda dei casi, all’accordo può essere associato un sistema di prezzo della dote o della sposa.

matrimonio aperto

Che cos’è esattamente il matrimonio aperto? È un matrimonio in cui marito e moglie non hanno una relazione esclusiva in termini di sesso: cioè è possibile fare l’amore con persone al di fuori del matrimonio.

C’è chi dice che il matrimonio aperto sia un modo per far durare più a lungo la coppia, ma non è certo facile da gestire e non è per tutti. Anzi, c’è chi lo considera un pretesto per poter fare gli affari propri, una sorta di tradimento legalizzato, diciamo.

matrimonio buddista

Come già sapete, il buddismo è una religione (una filosofia che l’occidente vede) le cui origini risalgono all’India nel V° secolo aC. È un percorso individuale il cui obiettivo è raggiungere il risveglio, facendo scomparire il desiderio egoico e l’illusione.

Pertanto, il matrimonio nel buddismo si basa su una relazione consolidata tra l’uomo e la donna. Non avendo carattere giuridico o religioso, questo sacramento nasce quindi dall’esigenza della coppia (nonché delle loro famiglie) di formalizzare la loro relazione. E questo in un modo abbastanza semplice.

Ma è pur sempre un matrimonio ricco di simboli e preparativi. Infatti, per unire gli sposi, bisogna prima ottenere la benedizione dei rispettivi genitori. Solo allora gli sposi decidono, se lo desiderano, di organizzare una festa o una cerimonia per celebrare la loro unione.

Se si vuole legalizzare il sindacato, viene redatto il protocollo civile corrispondente.

matrimonio indù

Le usanze e le tradizioni matrimoniali indù vengono tramandate di generazione in generazione. La cerimonia nuziale fa parte delle antiche tradizioni della cultura indiana.

L’induismo considera sacro il matrimonio, è l’unione di un uomo e una donna per fondare una famiglia e l’alleanza tra due famiglie. A differenza dell’Occidente, il matrimonio indù rimane un matrimonio combinato tra due famiglie. Oggi colpisce il 90% dei matrimoni indù.

La cerimonia religiosa dura un giorno o anche più giorni (da 1 a 12 giorni). Più sontuoso è il matrimonio indù, più famiglie si formano nella società. La cerimonia genera una spesa considerevole.

Come va un matrimonio indù? I genitori usano spesso la loro rete di amici, familiari o sensali per trovare l’abbinamento perfetto. Una volta che la coppia avrà scelto, avrà luogo un incontro tra le due famiglie. Il potenziale partner sarà scelto dalla stessa casta.

matrimonio ebraico

Il matrimonio ebraico è una delle cerimonie più codificate. Può avvenire solo quando tutte le condizioni sono soddisfatte. Il matrimonio ebraico può essere celebrato solo quando entrambi i coniugi sono di fede ebraica. Questa prima condizione è irrevocabile e non sono tollerate eccezioni.

Se uno dei coniugi non è di fede ebraica, devono convertirsi. Per fare ciò, devi seguire una procedura definita per la tua riqualificazione. Questa regola vale sia per gli uomini che per le donne. Sono necessari diversi passaggi per completare la conversione.

Una volta rispettata la regola, è possibile prepararsi alla cerimonia. I rituali iniziano il giorno prima della cerimonia in cui la donna deve fare un bagno purificatore. È il mikvà. Durante il giorno del matrimonio, anche gli innamorati devono digiunare.

Naturalmente il matrimonio civile deve essere celebrato prima del matrimonio religioso. Questa è una seconda condizione della cerimonia nuziale ebraica. È possibile celebrare il matrimonio ebraico tutti i giorni, tranne il sabato, lo Shabbat, i giorni festivi e durante il periodo dell’Omer.

Quali sono i fondamenti del matrimonio ebraico?

L’obiettivo principale del matrimonio religioso secondo la tradizione ebraica è quello di consentire la creazione di una casa, basata sul principio della fedeltà e della felicità.

Il matrimonio è il garante del compimento della coppia nella vita coniugale.
Il posto di Dio è molto importante nel matrimonio ebraico.
La nuova casa degli sposi novelli deve fondarsi su questa accoglienza di Dio e sull’appartenenza alla comunità ebraica.

matrimonio musulmano

Cosa dice l’Islam. Il matrimonio, nell’Islam, è considerato un contratto sociale con una benedizione divina (sura XXV, 54). Questo non esclude l’amore tra gli sposi: la sura XXX, 21 spiega così che il matrimonio è uno dei segni della sollecitudine di Allah per l’umanità e che Allah “ha posto amore e gentilezza” tra marito e moglie.

Il matrimonio musulmano (o “matrimonio islamico” è la stessa cosa) richiede il rispetto di determinate condizioni. Quindi, se un uomo di fede musulmana può sposare una donna cristiana o ebrea (ma non atea), una donna musulmana può sposare solo un uomo musulmano.

Se lo sposo non è di fede musulmana, deve convertirsi prima del matrimonio. E i figli del matrimonio devono essere educati alla fede musulmana. Vale a dire.

Va notato che gli uomini musulmani possono sposare “senza vergogna o rimprovero” una donna divorziata; Non sorprende che la legge islamica vieti di sposare parenti stretti. Inoltre (secondo la Sura IV, 4), lo sposo deve fare un dono alla sua sposa prima del matrimonio; questa è una forma di dote chiamata “mahr”.

Questo dono poi appartiene alla moglie: spesso è una somma di denaro destinata ad arredare la casa. Nel 21° secolo, questo dono è generalmente simbolico: la tradizione musulmana riporta che Maometto una volta diede la sua approvazione a doti molto semplici: un paio di sandali o una manciata di farina.

Leggi anche:Cos’è la cultura?; Cos’è la filosofia?

Fonti:

(2021). Marriage. Wikipedia. Recovered from: https://en.wikipedia.org/wiki/Marriage

Adam, A. (2021). Marriage. Britannica. Recovered from: https://www.britannica.com/topic/marriage

(S/F). Catholic Marriage FAQs. For Your Marriage. Recovered from: https://www.foryourmarriage.org/catholic-marriage-faqs/

(S/F). What is a Christian Marriage?. St. John the Evangelist. Recovered from: https://stjohnbaytown.org/what-is-a-christian-marriage

(2021). Marriage in the Catholic Church. Wikipedia. Recovered from: https://en.wikipedia.org/wiki/Marriage_in_the_Catholic_Church

Share via
Copy link
Powered by Social Snap