Categorie
concetto definizione

Cos’è la cultura?

Cos’è la cultura? L’espressione cultura sembra essere un concetto facile da definire. Tuttavia, se ci dedichiamo a dare uno sguardo ai tanti contesti in cui questa espressione può essere utilizzata, ci accorgeremo che non è del tutto vero.

Abbiamo tutti una concettualizzazione forse generale di cosa sia la cultura. Alcuni lo definirebbero come un insieme di tradizioni e principi che ha una certa civiltà, altri direbbero che la cultura non è altro che un insieme di tratti che definiscono le credenze di un gruppo di persone, sia per eredità culturale che per ricerca.

La verità è che ci sono molti concetti per questo termine. In questo articolo, esploreremo tutte le definizioni esistenti di cultura, comprendendo che il contesto è il vero fattore determinante nel significato. Le definizioni saranno presentate in base a ciascun contesto.

Cultura è un termine che si riferisce a un insieme ampio e diversificato di aspetti principalmente immateriali della vita sociale. Secondo i sociologi, la cultura consiste in valori, credenze, sistemi linguistici, comunicazione e pratiche che le persone condividono in comune e che possono essere utilizzate per definirle come collettivi.

La cultura include anche gli oggetti materiali che sono comuni a quel gruppo o società. La cultura è distinta, ma connessa, alla struttura sociale e agli aspetti economici della società, sia costantemente informata che informata da essi.

cultura in sociologia

La cultura è uno dei concetti più importanti all’interno della sociologia perché i sociologi riconoscono che svolge un ruolo cruciale nella nostra vita sociale.

È importante nel plasmare le relazioni sociali, nel mantenere e sfidare l’ordine sociale, nel determinare come diamo un senso al mondo e al nostro posto in esso, e nel plasmare le nostre azioni ed esperienze quotidiane nella società. È fatto di cose immateriali e materiali.

In breve, i sociologi definiscono gli aspetti non materiali della cultura come i valori e le credenze, la lingua, la comunicazione e le pratiche condivise da un gruppo di persone. Espandendosi in queste categorie, la cultura è composta dalla nostra conoscenza, buon senso, ipotesi e aspettative.

Sono anche le regole, le norme, le leggi e la morale che governano la società; le parole che usiamo, così come il modo in cui le parliamo e le scriviamo (quello che i sociologi chiamano “discorso”); e i simboli che utilizziamo per esprimere significati, idee e concetti (come segnali stradali ed emoji, ad esempio).

La cultura è anche ciò che facciamo e come ci comportiamo e ci esibiamo (ad esempio teatro e danza). Informa ed è sintetizzato nel modo in cui camminiamo, sediamo, trasportiamo il nostro corpo e interagiamo con gli altri, come ci comportiamo in base al luogo, al tempo e al “pubblico” e come esprimiamo identità di razza, classe, genere e sessualità, tra gli altri. .

La cultura include anche le pratiche collettive a cui partecipiamo, come le cerimonie religiose, la celebrazione di festività secolari e la partecipazione a eventi sportivi.

La cultura materiale è costituita dalle cose che gli esseri umani producono e usano. Questo aspetto della cultura include un’ampia varietà di cose, da edifici, manufatti tecnologici e abbigliamento, a film, musica, letteratura e arte, tra gli altri.

Gli aspetti della cultura materiale sono più comunemente chiamati prodotti culturali.

I sociologi vedono i due lati della cultura, il materiale e l’immateriale, come intimamente connessi. La cultura materiale emerge ed è plasmata dagli aspetti non materiali della cultura.

In altre parole, ciò che apprezziamo, crediamo e sappiamo (e ciò che facciamo insieme nella vita di tutti i giorni) influenza le cose che facciamo. Ma non è una relazione a senso unico tra cultura materiale e non materiale.

La cultura materiale può anche influenzare gli aspetti non materiali della cultura. Ad esempio, un potente film documentario (un aspetto della cultura materiale) potrebbe cambiare gli atteggiamenti e le convinzioni delle persone (cioè la cultura non materiale).

Ecco perché i prodotti culturali tendono a seguire degli schemi. Ciò che è venuto prima in termini di musica, film, televisione e arte, ad esempio, influenza i valori, le convinzioni e le aspettative di coloro che interagiscono con loro, il che, a sua volta, influenza la creazione di prodotti culturali aggiuntivi.

Perché la cultura è importante per i sociologi

La cultura è importante per i sociologi perché svolge un ruolo importante e importante nella produzione dell’ordine sociale.

L’ordine sociale si riferisce alla stabilità della società basata sul contratto collettivo di regole e norme che ci consentono di cooperare, funzionare come società e vivere insieme (idealmente) in pace e armonia. Per i sociologi, ci sono aspetti buoni e cattivi dell’ordine sociale.

Arraigado en la teoría del sociólogo francés clásico Émile Durkheim, tanto los aspectos materiales como los no materiales de la cultura son valiosos porque mantienen unida a la sociedad.

I valori, le convinzioni, la morale, la comunicazione e le pratiche che condividiamo in comune ci forniscono un senso di scopo condiviso e una preziosa identità collettiva. Durkheim ha rivelato attraverso la sua ricerca che quando le persone si riuniscono per partecipare ai rituali, riaffermano la cultura che hanno in comune e, così facendo, rafforzano i legami sociali che le uniscono.

Hoy en día, los sociólogos ven que este importante fenómeno social ocurre no solo en rituales religiosos y celebraciones como (algunas) bodas y el festival indio de Holi, sino también en fiestas seculares, como bailes de secundaria y eventos deportivos televisados ​​de gran asistencia (por ejemplo, el Super Bowl y la locura de marzo).

Il famoso teorico sociale e attivista prussiano Karl Marx ha stabilito l’approccio critico alla cultura nelle scienze sociali. Secondo Marx, è nell’ambito della cultura immateriale che una minoranza può mantenere un potere iniquo sulla maggioranza.

Ha ragionato sul fatto che l’adesione a valori, norme e credenze convenzionali mantiene le persone bloccate in sistemi sociali disuguali che non funzionano nel loro migliore interesse, ma invece avvantaggiano la potente minoranza.

I sociologi oggi vedono la teoria di Marx in azione nel modo in cui la maggior parte delle persone nelle società capitaliste crede che il successo derivi dal duro lavoro e dalla dedizione e che chiunque può vivere una bella vita se fa queste cose, nonostante la realtà che un lavoro che si paga da vivere il salario è sempre più difficile da ottenere.

Entrambi i teorici avevano ragione sul ruolo che la cultura gioca nella società, ma nessuno dei due era assolutamente corretto.

La cultura può essere una forza di oppressione e di dominio, ma può anche essere una forza di creatività, resistenza e liberazione. È anche un aspetto profondamente importante della vita sociale umana e dell’organizzazione sociale. Senza di essa, non avremmo relazioni né società.

Cos’è la cultura generale?

La cultura general son todos aquellos conocimientos que una persona domina entorno a un universo de temas, los cuales le permitirán elaborar juicios de valor con respecto a una situación o idea en específico.

Queste conoscenze possono essere acquisite attraverso studi normativi (matematica, geografia, storia del mondo, lingua, ecc.) o attraverso la propria ricerca.

Nonostante sia una conoscenza di dominio generale, cioè una conoscenza a cui tutti possono accedere, non tutte le persone hanno lo stesso livello di cultura generale.

Allo stesso modo, questa conoscenza non viene utilizzata per scopi pratici, ma piuttosto a scopo informativo, più specificamente, per esprimere opinioni su vari argomenti specifici. In breve, un ampio livello di conoscenza generale consentirà a una persona di presentare le proprie idee secondo criteri solidi, basati su fatti reali e con informazioni concrete.

Cos’è la cultura popolare?

Per cultura popolare si intendono tutte le tradizioni, le manifestazioni artistiche e gli atti folcloristici caratteristici rispettivamente di una città o di una regione. Tutte queste conoscenze e credenze sono generalmente proclamate dalle classi popolari, cioè da persone delle classi medie e basse, un tempo dette plebe.

La conoscenza della cultura popolare è uno degli aspetti più distintivi di una società, poiché in essa si esprimono le sue credenze e le sue tradizioni radicate. Le espressioni musicali sono uno dei migliori esempi di cultura popolare, essendo uno dei simboli più importanti per spiegare le origini e i costumi di una società.

Tutte le società hanno una cultura popolare. Tuttavia, la valutazione di tutto questo corpus di conoscenze sarà determinata, principalmente, dal suo livello di sviluppo e dalle sue radici culturali.

È infatti molto comune che la tradizione popolare abbia una maggiore concentrazione nelle aree più rurali di una regione.

cos'è la cultura popolare
cos’è la cultura popolare

Qual è la cultura organizzativa?

La cultura organizzativa è quell’insieme di valori e norme applicati in un’azienda, al fine di rafforzare i principi che consentono il corretto ed efficiente svolgimento dei compiti.

Questa cultura viene applicata per modellare tutti i membri di un’azienda a un modello specifico per lo svolgimento delle sue operazioni. Tutti i valori che compongono la cultura organizzativa sono definiti in un’azienda, e poi, vengono istruiti ai dipendenti.

In questo modo, ogni azienda definisce la propria cultura organizzativa, che dipenderà dai suoi metodi di lavoro, dai suoi prodotti, dai suoi obiettivi e dalla sua visione nello specifico. La psicologia organizzativa studia il concetto di cultura organizzativa e forma persino professionisti nell’area chiamati psicologi organizzativi.

Il suo compito è guidare tutto il personale impiegato verso una cultura organizzativa assertiva, in cui tutti gli obiettivi e gli obiettivi possono essere raggiunti in modo tempestivo.

Cos’è la cultura per i bambini?

La cultura per i bambini costituisce tutti quei principi che, come parte di una società, devono acquisire man mano che si sviluppano in uno spazio scolastico.

Questo, affinché abbiano i principi necessari per svolgere le aree che desiderano in futuro, offrendo una formazione di qualità, a partire dai principi più importanti.

Questa cultura si basa sull’idea che tutte le persone dovrebbero inserirsi nella società attraverso la padronanza di un insieme di conoscenze. Questo set ti permetterà di capire il tuo ambiente e, ancora di più, di farne parte.

La cultura per i bambini è il legame che tutti i bambini devono attraversare per ottenere tutti gli strumenti necessari, in particolare quella conoscenza con cui potranno entrare in campi di studio superiori e, successivamente, far parte di una corporazione.

Cos’è la cultura pop?

A differenza dei concetti precedenti, quello di cultura pop non è, ad esempio, così concreto come nel caso dell’organizzazione. La prima cosa che dobbiamo fare è salvare il concetto di cultura popolare, ma in questo caso con una visione molto più ampia in termini di portata.

In altre parole, la cultura pop è tutte le tendenze, tradizioni e simboli che fanno parte di un’era passata o attuale. Ad esempio, la cultura degli “anni ’80” potrebbe essere definita come una cultura pop, dove potremmo osservare una tradizione nell’abbigliamento, nell’espressione verbale, nei gusti musicali, ecc.

In questo modo, la cultura pop è composta da tutti gli elementi di tipo sociale che si distinguono in una certa generazione o epoca attuale.

La cultura pop è stata rafforzata negli ultimi anni in seguito all’acquisizione dei media e al più facile accesso all’informazione. Il risultato, un maggiore inserimento da parte della popolazione verso le tendenze della cultura pop.

Se osserviamo, viviamo in una cultura pop, dove si osservano tradizioni diverse intorno a identità e costumi.

Qual è la cultura della pace?

La cultura della pace è un insieme di valori che sottolinea il rifiuto energico di comportamenti o atteggiamenti violenti.

Questa cultura è stata definita dalle Nazioni Unite nel 1999, con l’obiettivo di valorizzare la negoziazione e il dialogo come i meccanismi più appropriati per la risoluzione dei problemi.

La cultura della pace è anche uno stile di vita, dove vengono promossi tutti quei comportamenti che promuovono un atteggiamento pacifico.

Le persone hanno l’impegno di mettersi d’accordo in pace, disfacendo tutte quelle forme, fisiche o verbali, che suppongono un atto violento e, quindi, danno.

Lo scopo della cultura della pace è quello di sradicare dalla società mondiale ogni comportamento violento, dando maggior valore alla pace come unica caratteristica e alternativa verso la quale indirizzare soluzioni di fronte ai più complessi problemi sociali.

Cos’è la cultura civica?

Sicuramente abbiamo sentito l’espressione “doveri” poco prima o dopo l’espressione “diritti”. Tipicamente, una persona è degna dei propri diritti nella misura in cui corrispondono ai propri doveri.

La cultura dei cittadini ha una partecipazione importante in questo ordine. A questo proposito, la cultura del cittadino costituisce tutte le azioni, i costumi e le tradizioni a cui un gruppo di cittadini, in quanto parte di un determinato Paese, deve attenersi secondo la normativa.

Tutte queste caratteristiche fanno parte dei valori che un cittadino deve preservare per godere della convivenza e dell’armonia tra un gruppo di persone.

L’applicazione di una corretta cultura cittadina garantirà azioni sia a livello privato che pubblico che consentano la qualità della vita, nonché il rispetto congiunto di norme che facilitino la celebrazione di diversi processi come, ad esempio, il diritto di voto.

Cos’è la cultura aziendale?

La cultura aziendale è un insieme di valori, dichiarazioni, tradizioni e pensieri che il corpo dei dipendenti di un’azienda pratica. A differenza della cultura organizzativa, la cultura aziendale mira a plasmare il modo in cui i dipendenti conducono la vita in azienda, ovvero il modo in cui comunicano, si vestono e svolgono il proprio lavoro.

Ricordiamo che la cultura organizzativa è volta a migliorare le dinamiche di lavoro affinché l’azienda possa realizzare efficacemente tutti i suoi obiettivi di lavoro.

La cultura aziendale, invece, si concentra sulle abitudini che una specifica azienda ha caratterizzato in tutto il suo personale.

Nel corpo della cultura aziendale, ci sono le forme del servizio al cliente, il modo in cui l’azienda trasmette la propria immagine dai propri dipendenti e il trattamento dei propri partner.

La cultura aziendale parla del comportamento di un’impresa, mentre la cultura organizzativa, del modo in cui un gruppo di lavoro si appropria degli strumenti necessari ai propri obiettivi.

Cos’è la cultura ambientale?

La cultura ambientale è anche un insieme di costumi che mirano a preservare l’ambiente. Più specificamente, la cultura ambientale è il modo in cui gli esseri umani creano una relazione con l’ambiente.

In questo caso, lo scopo è generare uno scambio benefico per l’ecosistema e, in tal senso, per la vita umana. A tal fine, nella cultura ambientale sono incoraggiati atteggiamenti verso il miglioramento continuo e la conservazione degli spazi verdi.

Successivamente si caratterizzano le azioni in cui una o più persone compiono sforzi diversi per promuovere la cura dell’ambiente, non solo in chi appartiene a questa cultura, ma anche nel cittadino medio.

Sicuramente tutti noi abbiamo un certo livello di cultura ambientale, anche se non la concettualizziamo in questo modo. A questo proposito, ciò include una serie di pratiche che, insieme, promuovono la cura dell’ambiente.

Il primo, per promuovere la consapevolezza dello spazio in cui viviamo, il secondo, per creare abitudini positive per l’ambiente dalla vita di tutti i giorni. È inoltre possibile trovare campagne di avvertimento ed educative sull’importanza della cura dell’ambiente.

Qual è la cultura della legalità?

La cultura della legalità è quella conoscenza che i cittadini di un paese dominano di fronte allo stato di diritto. In altre parole, è la piena conoscenza di una persona di tutti i diritti e doveri che possiede come parte di una nazione.

La cultura della legalità si impegna al pieno rispetto delle leggi di un Paese, facendo appello al loro rispetto. Naturalmente, ciò presuppone un disprezzo per la violazione delle norme di legge.

I cittadini di un Paese conoscono, rispettano ed emanano le leggi della sua costituzione, facendo riferimento agli strumenti o alle istituzioni regolamentari necessari in una determinata situazione.

Pertanto, la cultura della legalità è definita come il rispetto, l’applicazione e il riconoscimento delle leggi di una società da parte dei suoi membri.

Che cos’è la cultura politica?

I cittadini di un paese hanno conoscenze e criteri diversi sul panorama politico della sua popolazione. Si scambiano idee ed esprimono giudizi di valore diversi, cercando di trovare le soluzioni più efficaci per i bisogni della propria nazione.

Questo insieme di criteri e conoscenze è ciò che viene chiamato cultura politica. La cultura politica è una pratica che tutti i cittadini praticano ad un certo punto della loro vita, in cui mettono alla prova i loro criteri nell’analisi degli eventi politici nel loro paese.

La massificazione delle informazioni ha rafforzato in modo significativo questo pilastro nella società, motivo per cui molte persone oggi hanno una cultura politica significativa.

Cos’è la cultura fisica?

La cultura fisica è tutta quella conoscenza pratica e teorica che una società ha riguardo alle diverse pratiche sportive o attività fisiche.

Questo, con l’obiettivo di garantire il vostro benessere, al di là della vostra salute fisiologica, del rapporto rispettivamente tra la vostra mente e il vostro corpo. La cultura fisica corrisponde al livello di padronanza e pratica che una persona svolge di fronte a un determinato sport o attività fisica.

I suoi obiettivi possono variare, in quanto saranno definiti dal grado di coinvolgimento della persona. Ad esempio, gli atleti professionisti hanno un alto livello di cultura fisica, mentre i dilettanti non possono eguagliarlo.

Un concetto con semantiche multiple Come si vede, la cultura è un concetto che ha significati diversi.

Ognuna, a seconda del contesto, che sarà specificata parola dopo cultura, dove possiamo capire di cosa si tratta, o, in altre parole, di che tipo di cultura si potrebbe parlare.

Leggi anche:Cos’è l’ontologia?; Cos’è la filosofia?