Categorie
storia

Storia dell’Ucraina e della Russia

Storia dell’Ucraina e della Russia: 1918-1944, 1945-1991, 1992-1994, 1995-2013, 2014-15, 2016-2020,2021-2022.

Storia dell'Ucraina e della Russia: 1918-1944, 1945-1991, 1992-1994, 1995-2013, 2014-15, 2016-2020,2021-2022.
  • Save
Storia dell’Ucraina e della Russia: 1918-1944, 1945-1991, 1992-1994, 1995-2013, 2014-15, 2016-2020,2021-2022.

introduzione

La guerra russo-ucraina è una guerra continua tra Russia e Ucraina. Questa guerra è iniziata nel febbraio 2014 in seguito alla Rivolta della Dignità ucraina. La Crimea e il Donbas sono stati riconosciuti a livello internazionale come parte dell’Ucraina ed erano gli stati inizialmente concentrati. L’Ucraina è diventata uno stato indipendente ed è stata insignita di un’indagine nel dicembre 1991.

Storia dell’Ucraina

La sua storia è composta da preistoria, storia antica e storia moderna.

Preistoria

L’Ucraina preistorica ha svolto un ruolo importante nella cultura eurasiatica, inclusa l’età del bronzo, l’addomesticamento dei cavalli e le migrazioni indoeuropee.

Nei tempi antichi, una parte della Scizia fu colonizzata da Getae durante il periodo della migrazione. Le aree ucraine passarono sotto il dominio di tre potenze esterne dopo la metà del XIV secolo. La residenza in Ucraina da parte di membri genere umano è stata considerata una storia lontana.

L’insediamento gravettiano iniziò nel 32.000 aC ed è stato sepolto e studiato nel sito della grotta Buran-Kaya delle montagne della Crimea. Circa 90.000 anni prima, i fiumi della Siberia occidentale furono intasati da strati di ghiaccio che si erano ridotti attraverso il Mar Caspio, il lago d’Aral e il bacino di Manych, formando quindi una specie di fiume più lungo del mondo.

La cultura Cucutein-Trypillian successe dal 4.500 al 3.000 a.C. nel tardo Neolitico. Nella parte occidentale esistono i popoli dell’età del rame della cultura bucatini-trypillian. È anche chiamata la moderna cultura dello stog più a est, seguita dalla prima età del bronzo. Questa cultura è fiorente nella cultura Kurgan delle steppe e nella cultura delle catacombe nel 3° millennio a.C.

Cristianesimo

Il cristianesimo si era trasferito nelle aree dell’Ucraina moderna prima del primo concilio ecumenico. Nel consiglio di Nicea e dell’Ucraina occidentale durante il periodo dell’Impero della Grande Moravia, l’accettazione formale del cristianesimo nella Rus da parte del governo avvenne nel 1988.

Il grande Vladimir (granduca Vladimir) è stato il principale promotore della cristianizzazione della Rus’ di Kiev. L’interesse di Vladimir Christian era un’ostetrica, sua nonna. Nonostante gli sforzi e le lotte del rispettato e gran principe Vladimir Monomakh, la battaglia tra i vari domini della Russia portò alla degenerazione, a partire dal XII secolo.

La nazione russa è stata sollevata quando Mosca ha dato l’impressione del record storico nelle discipline di Suzdal. Kiev fu licenziata dal principato di Vladimir nella lotta per il potere tra i principi e successivamente dai ladri cumani e mongoli rispettivamente nel terzo XII e XIII secolo.

Dopo cinque anni dalla distruzione di Kiev, l’ambasciatore pontificio di nome Giovanni da pian del carmine scrisse della condizione che era molto strana e dolorosa. Ha notato che hanno rovinato palazzi e città e ucciso uomini e Kiev (una grande città russa).

In primo luogo, l’hanno sopraffatto e dopo molto tempo lo hanno preso e hanno ucciso la gente della città. Siamo rimasti scioccati nel vedere innumerevoli ossa e teschi umani sparsi sul terreno quando abbiamo visitato quel paese. Era una grande città ma ora si è trasformata nel nulla. Ci sono un massimo di 200 case e diverse persone sono sottoposte a una stretta schiavitù.

Antenato

Le migrazioni hanno creato molte nazioni slave dall’Ucraina in tutti i Balcani. Le persone Antes sono anche conosciute come persone Gambles. Gli immigrati dall’Ucraina nei Balcani stabilirono molti paesi slavi meridionali.

Il cosacco ucraino del 1648, che diede inizio a un’era nota come la rovina, destabilizzò i fondamenti e la costanza della nazione. Il nascente stato cosacco, l’etman cosacco, è generalmente visto come un precursore dell’Ucraina.

1918: (Guerra tra Russia e Ucraina nel 1918)

Nel 1918, alcune centinaia di studenti ucraini combatterono cortesemente contro un esercito bolscevico di 4000 uomini a protezione di Kiev.

L’esito della rivolta russa ea causa della continua guerra mondiale, iniziò la lotta per il controllo dell’ex impero russo.

Gli eventi che si sono svolti a St. Andrews Pietroburgo sono stati osservati da vicino in Ucraina, dove molte persone hanno visto la denuncia e il panico come un’occasione per liberarsi dal controllo russo.

L’Ucraina indipendente, il popolo ucraino, si era rapidamente plasmata e, a metà dicembre 1917, la guerra era andata in frantumi tra i bolscevichi e aveva separato il governo ucraino. Il governo ucraino aveva legami con la Russia con i bolscevichi ucraini all’interno della vocazione nazionale a San Pietroburgo di inviare moltitudini.

Il 22 gennaio 1918, il consiglio centrale della neonata repubblica ucraina dichiarò la sua individualità, disegnando l’inizio dei conflitti tra le due parti. Ci guardiamo indietro per controllare la storia per capire il presente perché si dice spesso che la storia potrebbe non replicarsi da sola, ma si quartina e la storia dell’Ucraina è davanti ai nostri occhi.

Indipendenza ucraina

Con il fallimento del regno russo nel 1917 sotto la pressione della guerra e del disaccordo politico, i nazionalisti ucraini riconobbero il loro organo direttivo, la cruciale Rada, che fu presto costituita in un’assemblea radicale.

Il governo provvisorio russo ha deciso l’indipendenza dell’Ucraina sotto il nome di Stato popolare ucraino. Tuttavia, i bolscevichi in seguito rifiutarono di identificarlo e attaccarono l’Ucraina per farla rientrare nello stato sovietico.

L’UNR dichiarò la completa indipendenza nel gennaio 1918 e stipulò un accordo di pace con le potenze centrali a Breast prima che i bolscevichi facessero lo stesso.

Le istituzioni tedesche collegarono l’imperatore ucraino sotto il significativo titolo di hetman. Tuttavia, l’UNR lo riportò al potere dopo la fine o la fine della prima guerra mondiale e annunciò un’associazione con i luoghi ucraini dell’ex impero austro-ungarico.

1945

Seguendo il contratto con Hitler sulla separazione dell’Europa centro-orientale tra loro, Stalin attaccò la Polonia nel settembre 1939 e unì nella SSR ucraina le terre ucraine che la Polonia aveva messo da parte dopo la sua guerra di breve durata con i bolscevichi in Europa.

Alla conferenza di Yalta, Churchill e Roosevelt permisero a Stalin di mantenere queste terre nel 1945. I sovietici fecero anche pressioni e costrinsero la Cecoslovacchia a rinunciare alle sue terre russe.

La successiva SSR ucraina allargata arrivò a integrare quasi tutte le terre con una maggioranza etnica ucraina sotto il suo vivace capo del partito Nikita Khrushchev.

Krusciov raggiunse così l’antico obiettivo dei nazionalisti ucraini di generare un’autonomia ucraina unita. La persistente resistenza armata al dominio sovietico da parte degli autonomisti ucraini nei territori precedentemente polacchi sostenuta negli anni ’50.

1991

Dopo il rilascio da parte di Mikhail Gorbaciov dei controlli ideologici causati dal rifiuto di massa del comunismo sovietico, gli eventi di autogoverno ucraino e russo hanno lavorato insieme per guidare la nuova politica, come la libertà di parola e le libere elezioni.

La direzione del presidente russo Boris Eltsin non ha cercato di preservare la confederazione sovietica, ma ha richiesto una Russia indipendente. Ha reso Eltsin un logico sostenitore del presidente che ha prestato Kravchuk di ucraino, ma solo finché entrambi hanno respinto l’eredità sovietica.

Il voto ucraino nel dicembre 1991 prevedeva la fine dell’unione e Russia, Ucraina e Bielorussia ne iniziarono ufficialmente la cessazione. Tuttavia, con i miglioramenti economici in stallo all’inizio degli anni ’90. Eltsin e altri numeri russi hanno sempre più attinto alle aspettative dei nazionalisti nazionali per l’impero sovietico criticando le politiche culturali ucraine che interrogavano il trasferimento della Crimea.

1992

Sebbene l’Ucraina avesse il controllo corporale delle armi, non aveva il controllo operativo. Facevano affidamento su Action Links permissivi elettronici controllati dalla Russia e sul sistema di comando e controllo russo. Nel 1992, l’Ucraina ha accettato di rimuovere volontariamente oltre 3.000 armi nucleari strategiche.

1994

Messa in sicurezza delle testate nucleari:

I leader russo, ucraino e statunitense firmano una dichiarazione che ribadisce l’impegno dell’Ucraina a trasferire tutti i missili nucleari pianificati in Russia e a smontare i lanciatori pianificati nel suo territorio. La dichiarazione conferma anche la volontà russa di risarcire

L’Ucraina per il valore dell’uranio altamente migliorato nelle testate, rileva la disponibilità degli Stati Uniti ad assistere l’Ucraina nello smontaggio dei lanciatori e stipula garanzie di sicurezza che l’Ucraina otterrà una volta che aderirà al Trattato di non proliferazione nucleare (TNP) come stato non dotato di armi nucleari.

2014-2015

Quando una rivolta generale in Ucraina staccò il leader filo-russo Viktor Yanukovich e portò al potere forze autogovernate filo-occidentali – un atto consentito dall’assemblea e stabilito da improvvise elezioni ad alto livello – le istituzioni russe hanno approfittato del tumulto per trovò il controllo militare sulla Crimea.

Hanno progettato che il popolare russo locale avrebbe sostenuto la combinazione dei promontori in Russia, attratto da redditi più elevati e migliori opzioni di carriera senza la necessità di studiare l’ucraino. Ma il finto sondaggio sull’adesione alla Russia ha distorto risultati non plausibili e la comunità mondiale, a parte alcuni valori anomali o sostenitori filo-russi come Corea del Nord, Siria e Venezuela, ha definitivamente predestinato l’appropriazione.

Furono avviati stabilimenti russi in Crimea per contenere le attività locali ucraine e di Crimea Tater. L’ideazione ha assicurato il suo controllo sulla Crimea, la Russia ha anche stimolato rivolte in altre province ucraine sudorientali, dove i principali partiti provinciali hanno a lungo civilizzato atteggiamenti filo-russi. Ma questo approccio è controllato solo dal Donbas, un distretto industriale infelice con un mainstream di lingua russa.

Quando i gruppi ucraini hanno cercato di ristabilire il controllo, la direzione del presidente Putin ha inviato segretamente elementi dell’esercito stabile per sostenere i dissidenti filo-russi e i volontari russi. La fase energetica della guerra è continuata fino all’autunno del 2015, con una crescita trasformata nel 2017 e all’inizio del 2020, seguita da un prevedibile costo umano di 14.000 uccisi e un previsto 1,5 milioni di sfollati.

2013-2014: (Maiden, Crimea, e il movimento separatista, 2013-2014)

⦁ Il 7 aprile 2013, cadendo sotto la pressione dell’Occidente, Yanukovich ha pietà di Lutsenko e guida il suo rilascio mentre Tymoshenko rimane in prigione.

⦁ 9 novembre 2013

Yanukovich incontra il russo Vladimir Putin a Mosca prima della conferenza dell’Eastern Corporation dell’UE a Vilnius, in Lituania L’Ucraina è tra le nazioni dell’ex alleanza sovietica organizzate per firmare contratti di suggerimento che allargherebbero i legami politici e finanziari con l’UE.

⦁ 21 novembre 2013

Presente prima del vertice di Vilnius, Yanukovich pubblicizza che l’Ucraina sospenderà i colloqui con l’UE a favore dell’instaurazione delle sue relazioni con la Russia. Nei giorni successivi sono esplose denunce di massa nelle principali città dell’Ucraina, con circa 100.000 persone che si sono radunate a capo di Kiev. Gli spettatori descrivono le proteste come le maggiori in Ucraina, nel frattempo la rivolta arancione.

⦁ 30 novembre–1 dicembre 2013

Le politiche antisommossa spingono la fanciulla di Kiev a disperdere i manifestanti filo-occidentali che sono installati lì. Molti attivisti sono ostacolati dalla repressione durante la notte. Ore dopo e a breve distanza, gli attivisti hanno fatto irruzione nel municipio di Kiev, iniziando un’occupazione di costruzione di due mesi e mezzo.

⦁ 3 dicembre 2013

Il primo ministro Azarov vive di un voto di fiducia trasportato dai politici dell’opposizione.

⦁ 8 dicembre 2013

Si prevede che circa 800.000 persone si sono unite a una manifestazione nel centro di Kiev. La folla cade e distrugge una statua del leader sovietico Vladimir Lenin; le immagini di quell’evento spingono altri a distruggere i memoriali dell’era sovietica in tutta l’Ucraina.

⦁ 17 dicembre 2013

Putin inizia a sostenere il crollo dell’economia ucraina proponendo una considerevole riduzione del gas naturale russo e acquistando 15 miliardi di dollari in titoli di stato ucraini.

⦁ 17 gennaio 2014

Il parlamento ucraino consente in qualche modo un rigoroso disegno di legge anti-protesta per alzata di mano casuale piuttosto che assumendo il suo consueto sistema di voto elettronico. Yanukovich trasforma il disegno di legge in legge, attivando un’aspra risposta da parte dell’opposizione.

⦁ 22 gennaio 2014

Due attivisti vengono fatti esplodere e uccisi dalla polizia antisommossa a Kiev. Il corpo di un terzo attivista viene trovato nei boschi fuori città.

⦁ 28 gennaio 2014

Con una votazione strettamente ordinaria, l’assemblea elimina la legge anti-protesta. Azarov propone la sua notifica come impresa ai leader dell’opposizione.

⦁I manifestanti sgomberano il municipio in cambio di un’amnistia generale centinaia di manifestanti intrappolati non sono stati confinati dalle accuse della polizia il 16 febbraio 2014.

⦁ 18 febbraio 2014

Più di 20 persone vengono uccise e centinaia rimangono ferite mentre i clangori tra polizia e manifestanti a Kiev si sviluppano progressivamente. Si stima che circa 25.000 attivisti vivano nel sito incoraggiante della Maiden di Kiev.

⦁ 20 febbraio 2014

Kiev ha visto il suo giorno più cruento dalla seconda guerra mondiale in cui i tiratori del governo hanno aperto il fuoco sui manifestanti. Decine di persone vengono uccise e la Fanciulla viene trasformata in un campo di battaglia carbonizzato mentre i manifestanti bruciano enormi falò per fermare i tentativi delle forze di sicurezza di riconquistare la piazza. I leader dell’UE concordano nell’innalzare sanzioni contro coloro che in Ucraina dovrebbero essere responsabili delle violenze.

⦁ 21 febbraio 2014

Con il crollo del suo sostegno politico, Yanukovich riceve un accordo mediato dall’UE che potenziali prime elezioni e l’applicazione di un governo di unità nazionale che deve contenere i membri dell’opposizione. Il Parlamento legalizza lo statuto in base al quale Tymoshenko era stata accusata, aprendo così il suo rilascio.

⦁ 22 febbraio 2014

Yanukovich scompare mentre il parlamento vota per privarlo dei suoi controlli di alto livello. Tymoshenko viene liberata o diventa indipendente dalla prigione e si reca immediatamente a Kiev, dove fa un appassionato sermone alla mafia nel Maidan. Yanukovich, apparendo in un discorso televisivo, critica la sua rimozione dall’incarico come una rivoluzione.

2016-2020: Storia dell’Ucraina e della Russia

A giugno, l’Ucraina è stata chiamata un partner per le occasioni rafforzato dalla NATO, unendosi ad Australia, Georgia, Finlandia, Giordania e Svezia come repubbliche con una collaborazione più profonda su incarichi e movimenti guidati dalla NATO.

L’associazione afferma che il nuovo status “non presuppone alcuna conclusione sull’adesione alla NATO”. A settembre, Zelensky ha approvato la nuova strategia di sicurezza nazionale dell’Ucraina, che è stata consegnata per sviluppare una società caratteristica con la NATO che intende ottenere un’associazione. L’anno precedente, il precursore di Zelensky ha firmato una vera e propria modifica che impegnava l’Ucraina a stabilire un membro della NATO e dell’UE.

2021-2022

L’accumulo di truppe russe e una richiesta a ovest:

La guerra nel Donbas non è mai finita correttamente. Il fuoco a bassa potenza è una verità quotidiana e le vittime vengono dichiarate ogni settimana. I mediatori occidentali hanno contribuito a ridurre l’escalation dell’azione militare nel 2015 tenendo riunioni in formato Normandia.

Il protocollo di Minsk del 2015, iscritto durante il vertice nella capitale bielorussa, ha registrato un percorso verso una determinazione pacifica. Tuttavia, rimane bloccato perché passi definitivi sono indesiderabili né per l’Ucraina né per la Russia.

Nel 2021, le agenzie di intelligence occidentali e ucraine hanno rilasciato informazioni su un enorme accumulo di truppe russe lungo il confine ucraino e sulla pianificazione di una sottostruttura per una possibile invasione.

I funzionari russi hanno insistito sul fatto che questi preparativi fossero solo esercitazioni militari, ma hanno anche inviato una richiesta all’occidente chiedendo garanzie scritte contro l’ulteriore espansione orientale della Nato; restrizioni sui tipi di armi collocate nei paesi membri della NATO che hanno unito l’alleanza dal 1997 e una stretta a qualsiasi cooperazione militare della NATO con altri stati post-sovietici.

Temporaneamente, i media russi hanno rafforzato i timori di un imminente attacco della NATO alla Russia e di un’offensiva ucraina nel Donbas.

Leggi anche:Definizione di legge marziale, Canada, Filippine, Ucraina, Russia

Risorsa esterna: Nationalgeographic

Share via
Copy link
Powered by Social Snap